Top
  >  Viaggi   >  Europa   >  10 cose da fare e vedere in Liechtenstein
castello di vaduz

Ho scelto di visitare il Liechtenstein e di festeggiare nel piccolo principato il mio 50° paese visitato. Ubicato tra Svizzera e Austria, è un gioiello racchiuso tra bellezze naturali e antiche strutture medievali. È il Reno a segnare il confine con il territorio elvetico, mentre, sul fronte orientale, il limite è segnato da montagne. Sottovalutato dalla maggior parte dei turisti, presenta, tuttavia, molte caratteristiche interessanti: paesaggi incantevoli, con monti svettanti e prati sui quali le mucche pascolano bonariamente.

UN PO’ DI STORIA

Nel 1382 nasce la Contea di Vaduz derivandola per eredità dalla contea di Werdenberg. Nel 1699 il principe Johann Adam Andreas acquista la proprietà di Schellenberg e nel 1712 la Contea di Vaduz. Il 23 gennaio 1719 l’imperatore Carlo VI stabilisce con un decreto che le contee di Vaduz e Schellenberg vengano promosse allo status di Principato con il nome di Liechtenstein, come riconoscimento per i servigi del principe Anton Florian.

Nel 1806 viene riconosciuta la sovranità al Principato, alla cui guida ancora oggi siede la Casa del Liechtenstein, una delle più antiche famiglie aristocratiche d’Europa. Dal 1989 il potere è affidato al principe Hans-Adam II. Il Liechtenstein è stato molto vicino all’impero austro-ungarico per tutto il XIX secolo. Tuttavia, a causa della profonda crisi che segnò la caduta dell’Impero, sconfitto nella Prima Guerra Mondiale, il Principato si avvicinò molto alla Svizzera nel 1919. Cento anni dopo, i legami tra i due paesi rimangono molto stretti. Nel 1924, per riprendersi da una forte crisi economica e finanziaria causata dalla grande guerra, viene istituita l’unione doganale con la Svizzera e introdotto il franco svizzero come moneta ufficiale. Nel 1978 il Liechtenstein diventa membro del Consiglio d’Europa e nel 1990 dell’ONU. Il Liechtenstein ha adottato ufficialmente il franco svizzero nel 1924. I legami sono molto stretti nel campo sportivo, infatti la squadra del Vaduz gioca nel campionato svizzero.

QUANDO ANDARE IN LIECHTENSTEIN

Il periodo migliore per visitare il Liechtenstein dipende da cosa si desidera fare durante il viaggio. Il paese ha un clima temperato, con estati calde e inverni miti. I mesi estivi da giugno ad agosto sono i più caldi e secchi, il che li rende il momento migliore se avete intenzione di fare attività all’aria aperta come escursioni e visite turistiche. Se preferite il clima più fresco, i mesi primaverili e autunnali, da aprile a maggio e da settembre a ottobre, sono piacevoli e meno affollati. I mesi invernali da novembre a marzo possono essere freddi e nevosi, e molte attività all’aria aperta possono essere limitate. Tuttavia, questo può rappresentare un buon momento per praticare lo sci e altri sport invernali.

COME ARRIVARE IN LIECHTENSTEIN

Il Liechtenstein non ha un aeroporto proprio ma ci sono diverse soluzioni per raggiungere il Paese:

  • In aereo: l’aeroporto più vicino è quello svizzero di Zurigo oppure quello tedesco di Friedrichshafen. Da Roma, Milano e Venezia partono quotidianamente voli per Zurigo con la compagnia svizzera Swiss. Da Zurigo si raggiunge Vaduz in treno o in autobus;
  • In treno: il Liechtenstein non dispone di ferrovie locali ma è attraversato dalla linea internazionale che collega Zurigo a Vienna e ferma a Schaan, a nord di Vaduz;
  • In autobus: dalle cittadine di Buchs e Sargans, situate sul confine svizzero, partono di solito per la capitale tre autobus all’ora, mentre ogni mezz’ora ne parte uno dalla cittadina di Feldkirch sul confine austriaco;
  • In macchina: dalla Svizzera si può prendere la Route 16 che attraversa il Liechtenstein passando per Schaan o la N. 13 che segue il Reno lungo il confine tra Liechtenstein e Svizzera.

DOVE PERNOTTARE IN LIECHTENSTEIN

Per una prima visita in Liechtenstein, consiglio di alloggiare a Vaduz, la capitale, in quanto offre un comodo accesso alle principali attrazioni e servizi del paese. Vaduz è il centro politico e culturale del Liechtenstein, noto per il suo affascinante centro storico, i monumenti e il pittoresco scenario alpino.

  • Budget: il “Schaan Vaduz-Youth Hostel” offre sistemazioni a prezzi accessibili con camere pulite e servizi di base, è situato nel centro della città a pochi passi da negozi e ristoranti;
  • Medio: “Hotel Vaduzerhof by b-smart” offre camere confortevoli e servizi moderni, dispone di un sistema di check-in automatico in una posizione centrale vicino al Museo delle Belle Arti;
  • Lusso: il “Park Hotel Sonnenhof” offre sistemazioni e servizi di lusso, tra cui ristoranti gourmet, un centro benessere e viste panoramiche sulla valle del Reno.

COME SPOSTARSI IN LIECHTENSTEIN

Tutti i luoghi in Liechtenstein sono ben collegati con i mezzi pubblici, i cui costi sono anche molto economici. Inoltre, è possibile trovare diverse società per noleggio auto per viaggiare in tutto il Paese in modo indipendente.

COSA MANGIARE IN LIECHTENSTEIN

In Liechtenstein ci sono molti ristoranti dove si possono gustare i deliziosi piatti tradizionali del Paese. Il piatto nazionale è il “Käsknöpfle”, preparato con uova, farina, sale, acqua e pepe. Viene servito con purea di mele, cipolle fritte e formaggio. Non dimenticate di provare il vino del Liechtenstein: la cultura vinicola nel Principato è di qualità eccellente, infatti nella Valle del Reno, favorita dal punto di vista climatico, il vento Föhn fa maturare ottimi vini sui versanti meridionali delle montagne.

ADVENTURE PASS

L’Adventure Pass offre ai visitatori l’accesso a più di 30 grandi attrazioni in tutto il paese, è valido per singole persone o famiglie fino ad un massimo di 10 persone. Il pass, disponibile presso il Liechtenstein Center od online, è valido anche per i collegamenti bus, che conducono comodamente per tutto il Liechtenstein, incl. Sargans e Buchs SG (Svizzera) e Feldkirch (Austria). Il costo per un giorno è di 25 CHF, per due giorni 29 CHF.

COSA FARE E VEDERE IN LIECHTENSTEIN

#1 MUSEO NAZIONALE DEL LIECHTENSTEIN

Nelle 42 sale espositive disposte in tre sedi del Museo nazionale del Liechtenstein è possibile approfondire la storia, l’interessante cultura e la natura straordinariamente diversificata del Principato; questo fornisce una visione profonda del piccolo stato sovrano nel cuore delle Alpi. Di antiche origini (1400), mantiene l’atmosfera dell’epoca e non meraviglia scoprire che nacque come grande taverna per poi diventare dogana e sede del Governo. Oggi nelle stanze museali, la prima area espositiva, situata al piano terra, viene illustrata la storia della civilizzazione nel Liechtenstein e si può approfondire come costruzioni e abbigliamento si sono evoluti nei secoli.

La sala del primo piano è dedicata al Medioevo e presenta una straordinaria collezione di monete d’oro. Da qui si passa all’area celebrativa, dove pareti e soffitti ricchi di colore raffigurano le numerose festività rurali che si svolgono nelle campagne dal XIX secolo.

All’ultimo piano invece si trova l’élite che ha governato il Paese. Qui sono esposti i cippi che un tempo separavano grandi territori e vengono raccontate le storie delle battaglie e degli assedi compiuti dall’esercito prima della sua abolizione nel 1868.

Da non perdere la spettacolare esposizione dedicata agli habitat naturali del Paese e alle straordinarie creature che li animano.

#2 MUSEO DELLE POSTE

Il museo si concentra principalmente sui francobolli emessi dal Principato del Liechtenstein dal 1912, molti dei quali presentano anche disegni originali di artisti e designer famosi. Qui è possibile ammirare strumenti e gadget legati alla posta vintage, oltre a conoscere i vecchi metodi di creazione e stampa dei francobolli. L’ingresso è gratuito ed è presente anche un piccolo negozio di souvenir.

#3 KUNSTMUSEUM LIECHTENSTEN

Kunstmuseum Liechtensten, si tratta della collezione museale di arte moderna e contemporanea internazionale, nonché la collezione d’arte nazionale del Principato del Liechtenstein, fondato nel 2000. La facciata di questo edificio accattivante è fatta di cemento colorato e pietra basaltica nera. Ciottoli di fiume incastonati nell’esterno dell’edificio levigato e lucidato creano una superficie scintillante che riflette la luce.

#4 CASTELLO DI VADUZ

Un tripudio di torrette e torri arroccate su una collina e sullo sfondo teatrale di montagne frastagliate, il castello di Vaduz è il castello fiabesco dei sogni più selvaggi. Fu costruito come fortezza nel XII secolo e oggi è la residenza ufficiale del principe del Liechtenstein. Nel corso degli anni, l’edificio divenne sempre più fatiscente e cadde in rovina prima di essere ricostruito e rinnovato tra il 1905 e il 1912. Sotto il principe Francesco Giuseppe II, il castello fu ampliato e ancora una volta reso abitabile. Nel 1939 il principe vi si trasferì con la sua famiglia, adottando il castello di Vaduz come sua residenza ufficiale. Anche se chiuso al pubblico, vale la pena salire per le ampie vedute attraverso sentieri che percorrono la collina dalla fine di Egertastrasse. Il 15 agosto, festa nazionale del paese, il castello apre le sue porte a residenti e turisti, infatti il principe invita tutti i “Liechtensteiner” a casa sua per un bicchiere di vino o birra.

#5 CATTEDRALE DI SAN FLORIN

L’ex chiesa parrocchiale di San Florin ha ricevuto lo status di cattedrale nel 1997 con la creazione dell’arcidiocesi cattolica di Vaduz. La struttura in pietra con una torre alta 45 metri fu costruita nel 1874 e progettata da Friedrich von Schmidt di Vienna sul sito di precedenti fondazioni medievali, il suo santo patrono è Florino di Remüs (Florin). Nell’alcova di fronte alla chiesa è possibile vedere una statua della Vergine Maria che piange la morte del Salvatore e la Vergine Maria con il suo bambino. Con l’architettura elegante e l’armonia con il paesaggio circostante, questo posto è davvero un luogo da non perdere nel Liechtenstein.

#6 AMMIRARE LE SCULTURE IN CENTRO A VADUZ

Arte e storia si incontrano in tutta Vaduz. Il centro della città è adornato da splendide sculture, ognuna delle quali riecheggia storie del patrimonio culturale del Liechtenstein. Dalle installazioni moderne alle statue storiche, ci sono opere d’arte per tutti i gusti. Le sculture sono proprio nel centro della città, per lo più nella zona pedonale, in modo da poter facilmente passeggiare lungo la piacevole “Sculpture Walk” e vederli tutti. Segnalo la donna di Botero, una straordinaria scultura dalle forme generose e tipiche dello scultore.

#7 PONTE VECCHIO DI VADUZ

Dal 1867 al 1879, nella valle del Reno furono costruiti 13 ponti di legno coperti, di cui solo uno è possibile vedere ancora oggi, ossia l’Alte Rheinbrücke (Ponte del Vecchio Reno). Questo ponte di legno coperto, lungo 135 metri e completato nel 1901, collega i comuni di Vaduz e Sevelen. Dal 1973, il ponte è stato aperto solo a pedoni e ciclisti, mentre il traffico più pesante passa su un nuovo ponte di cemento costruito nelle vicinanze.

#8 DEGUSTAZIONE DI VINO

Nel 2011, le cantine principesche si sono rinnovate fino ad offrire una genuina fusione di modernità e tradizione secolare, da riscoprire con un tour guidato, che permette di approfondire le diverse varietà, tecniche di coltivazione e di vinificazione. La storia della tradizione vinicola di Vaduz affonda le radici in un passato antico, infatti risale al XIV secolo. Grazie all’esposizione a sud-ovest, al clima mite e al fertile terreno scistoso e calcareo, il Pinot Noir e lo Chardonnay godono qui di condizioni di crescita e di maturazione ideali. Sorseggiate qualche bicchiere di vino insieme a una visita alle cantine private del Principe. L’Adventure Pass include due bicchieri di vino in omaggio da degustare presso l’Hofkellerei des Fürsten von Liechtenstein!

#9 CASTELLO DI GUTENBERG

Il castello di Gutenberg (Burg Gutenberg) è un castello ben conservato nella città di Balzers che funge da centro amministrativo dell’omonimo comune. Si trova immediatamente oltre il ponte che collega Liechtenstein e Svizzera, su di una collina che domina il piccolo centro cittadino, raggiungibile tramite una strada. Gutenberg è uno dei cinque castelli del principato e uno dei soli due conservati fino ai giorni nostri. Il castello di Gutenberg, a differenza di quello di Vaduz, non è una residenza della famiglia principesca del Liechtenstein ed è aperto al pubblico come museo. I bastioni del castello sono visitabili tutto l’anno, mentre la cappella e il giardino, ricostruito nel 2010, sono aperti al pubblico di domenica, dalle 10 alle 19, durante la stagione turistica estiva (1 maggio-31 ottobre). Su prenotazione, sono disponibili anche visite guidate.

#10 MALBUN

Secondo me, il luogo più idilliaco del Liechtenstein in termini di bellezza paesaggistica è senza dubbio Malbun. Le ripide montagne alla fine della valle del Malbun formano un’arena intorno alla piccola località. Sia in estate che in inverno si possono praticare diverse attività. Durante i mesi estivi, l’importante rete di itinerari per escursioni in montagna nei dintorni di Malbun vi faranno scoprire una natura meravigliosa, quasi intatta, mentre in inverno è una stazione di sport invernali che con i suoi 23 chilometri di piste si estende fino a 2000 m di altitudine. Oltre a una pista di slittino, ci sono anche piste per lo sci di fondo. Insomma, avrete l’imbarazzo della scelta.

post a comment

PRENOTA ORA PRENOTA ORA